I 5 uomini più fortunati di sempre

Molti uomini tentano la fortuna con casinò, casino on line, gratta e vinci e slot. Pochi altri invece non solo fortunati e ricchi, ma spesso anche belli e con meravigliose donne al loro fianco, questi Paperon de Paperoni che hanno saputo sfruttare al meglio le loro doti caratteriali mostrando un fiuto infallibile negli affari, sono principalmente 5. Ovviamente la classifica è ampia ma ci sono alcuni uomini, i più fortunati di sempre, che hanno saputo mantenere ad oggi un primato di grande fortuna che ha fatto la storia

  1. Bill Gates. Il nome per intero è William Henry Gates III. Nacque in un fortunato 1955 in America, a Seattle. È famoso in tutto il mondo per aver fondato a soli vent’anni con Paul Allen, nel 1975, l’azienda che ha permesso ai computer una completa rivoluzione: la Microsoft. Quando in un’intervista rilasciò la dichiarazione secondo cui prevedeva che in ogni scrittoio e in ogni appartamento ci sarebbe stata la presenza di un computer, non si sbagliava. Grazie al suo metodo semplice e intuitivo, ha permesso di rendere facile l’utilizzo di un dispositivo elettronico, consentendo di agevolarne l’uso per chiunque, anche quelli meno esperti. Questo tipo di scelta che ha reso accessibile la fruizione dei computer, ha creato una vera e propria svolta nel mondo tecnologico e nel mondo quotidiano in generale. Bill Gates nel 2011 è risultato essere il secondo uomo più ricco al mondo da quanto riportato dalla rivista Forbes. Vantava un patrimonio che si aggirava intorno a una cifra da capogiro: 56 miliardi di dollari. Quando nel 2008 si ritirò dalla presidenza di Microsoft, si dedicò alla sua fondazione benefica insieme alla moglie, attività che pratica ancora oggi. Nel 2016, risulta per l’appunto l’uomo più fortunato di sempre, con un patrimonio che si aggira intorno ai 70 miliardi di dollari
  2. Rockefeller. Noto anche come John Davison Rockefeller, nasce a New York nel 1839.Quando iniziò a costruire il suo impero, ci vide lungo nel 1863, l’anno in cui investì nell’industria petrolifera. Imprenditore, filantropo e capitalista, le azioni della sua compagnia “Standard Oil Company”, nel 1880 tenevano più del 90% di produzione sul mercato americano, dandogli un patrimonio che per il tempo era enorme: 1,5 miliardi di dollari. Questo monopolio venne giudicato illegale dalla Corte Suprema degli Stati Uniti nel 1911, ma Rockefeller grazie alla sua indole tenace, non crollò mai. Le fragili condizioni di salute lo misero nella posizione di ritirarsi, a poco più di cinquantacinque anni compiuti, per dedicarsi ad attività più miti. Prima della sua morte che avvenne nel 1937, donò gran parte dei suoi averi in beneficienza e ai suoi familiari.
  3. Frane Selak. La sua vita fu costellata di disgrazie, dalle quali però riuscì sempre ad uscirne incolume. In un freddo inverno del 1962 per esempio, prese un treno da Sarajevo con destinazione Dubrovnik, questo deragliò e finì in uno specchio d’acqua completamente gelato. A rimetterci la vita furono 17 passeggeri, ma lui si salvò. Gli accadde poi nuovamente un incidente nell’anno successivo, nel 1963. L’aereo su cui viaggiava con rotta da Zagabria a Fiume subì un brusco imprevisto: durante il volo si aprì una porta. Morirono in 19 passeggeri, Selak riuscì a mettersi in salvo, gettandosi e atterrando su cumuli di fieno, che attutirono i danni della caduta. In seguito, nel 1966, viaggiava su un autobus con destinazione Spalato. Questo finì fuori strada (si ipotizza per un colpo di sonno dell’autista) e morirono 4 passeggeri, lui riuscì a mettersi in salvo nuotando. Quattro anni dopo, nel 1970, viaggiava in autostrada a bordo della sua macchina. Questa prese fuoco all’improvviso e Selak, riuscì ad uscire dal veicolo prima che l’esplosione potesse ucciderlo. Tre anni dopo, nel 1973, in una stazione di servizio stava facendo rifornimento di carburante al suo veicolo, ma la pompa difettosa deviò il getto della benzina sul suo cofano. Ne derivò un impeto di fiamma che gli fece perdere tutti i capelli ma grazie ad una folata di vento che spense il fuoco, riuscì a non riportare ulteriori danni. Questi episodi sembrerebbero già più che sufficienti per far sì che Selak venga considerato senza ombra di dubbio uno degli uomini più fortunati della storia, ma le sue disavventure non sono finite. Nel 1995 fu vittima di un incidente stradale: a Zagabria un autobus lo investì ma anche in questo caso non riportò danni gravi, se non qualche contusione. Nell’anno successivo, il 1996, per deviare lo schianto con un tir deviò la macchina finendo in bilico sul guard rail, restando sospeso e riuscendo a salvarsi prima che il veicolo compisse circa 100 metri di volo. Infine, dopo una lunga vita di sfortune, Selak compì 74 anni. Quell’anno acquistò un biglietto della lotteria nazionale, senza che prima ne avesse mai acquistato uno in tutta la sua vita. Vinse 900mila euro. La sua storia così bizzarra e fortunata, ha fatto sì che dei curiosi creassero un suo cartone animato che fu trasmesso su You Tube, ma Selak non apprezzò e minacciò di intraprendere azioni legali. Senza dubbio lui si è guadagnato un posto importantissimo tra i 5 uomini più fortunati di sempre.
  4. Roy Cleveland Sullivan, ranger di mestiere e uomo tutto d’un pezzo, venne soprannominato “parafulmine umano”. In caso di fulmini, le probabilità che un uomo possa esserne colpito sono presenti ma piuttosto limitate. Non per Roy Cleveland Sullivan. Non una, non due, non quattro, ma ben sette volte quest’uomo venne colpito da un fulmine, riuscendo a uscirne senza riportarne danni gravi. Questo gli consentì una certa notorietà visto gli episodi così stucchevoli ma, al tempo stesso, le persone lo evitavano e lui ne era dispiaciuto. La prima volta a subirne i danni fu la sua gamba destra. Successivamente i capelli, le ciglia e le sopracciglia. In particolare questo avvenne mentre si trovava alla guida di un camion. Il fulmine si scaricò prima sugli alberi e successivamente colpì la cabina del veicolo, facendolo finire a pochissimi metri da un precipizio. Nonostante questo riuscì a salvarsi. Nei momenti delle altre scosse subì danni alle spalle. Ovviamente in seguito a questi episodi, durante i periodi di tempeste e fulmini, iniziò a nascondersi. Ad ogni modo l’imprevedibilità del clima, durante una giornata in cui si trovava al lago a pescare, lo colpì nuovamente. Arrivò un fulmine inaspettato e gli colpì testa, petto e stomaco. La volta dopo caviglia e ginocchio. Come sia riuscito a scampare a ben 7 scariche di fulmini addosso e a riportarne ferite importanti ma non gravi da rischiarne la vita, rimane ad oggi un vero e proprio mistero. Fortunato di sicuro lo è, anche se a 71 anni si suicidò sparandosi, si narra per una delusione d’amore.
  5. Harrison Ford. L’attore hollywoodiano rappresenta uno tra gli uomini più fortunati della storia e non solo per la sua carriera. Prende questo merito poiché si è salvato ben due volte dal disastro aereo. Appassionato da sempre di volo, Ford non ha mai nascosto la sua attitudine per il pilotaggio. La prima volta accadde nel 1999. Si trovava al comando di un Bell Long Ranger con l’istruttore di guida. L’elicottero cadde a 100 metri di altezza, ma per fortuna finì sul letto di un fiume californiano nei pressi del lago Piru. Questo permise sia all’attore che all’istruttore di salvarsi. La seconda volta accadde nel 2015. Ford si trovava al comando di un biposto ad elica e precipitò nuovamente. Riportò diversi danni tra cui tagli profondi al viso e molte contusioni, ma nonostante questo riuscì a sopravvivere nuovamente.